Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in E:\WEB\Edilife.it\wp-includes\post-template.php on line 265

La Pubblicità: NAUFRAGIO O SCIALUPPA DI SALVATAGGIO? (parte 2)

Dov’eravamo rimasti?

Ah sì, ti avevo elencato le caratteristiche positive e negative della pubblicità tradizionale (nel caso non hai ancora letto la prima parte, ti consiglio di farlo, lo trovi più in basso :) ) ed ora è giunto il momento di esaminare l’altra faccia della medaglia: la pubblicità online.

Pronto?

Cominciamo!

 

Innanzitutto il bacino d’utenza (a differenza della pubblicità “vecchio stampo”) è ristretto, infatti gli annunci sono diretti a quegli utenti che , a seconda delle ricerche effettuate su internet, risulterebbero potenzialmente interessati al tuo prodotto.

Questo è un punto di forza, sai perché?

Facciamo un esempio:29181233-una-palla-rossa-differente-in-un-cerchio-di-palline-bianche-in-un-angolo-obliquo-con-la-prospettiva-

Immaginate di avere un sacchetto contenente 100 palline: 90 bianche e solo 10 rosse (che sarebbero i 10 potenziali vostri clienti). Cercare direttamente le 10 palline rosse che a noi interessano è meno dispendioso in
termini di tempo rispetto al “pescare a casaccio” 10 palline, sperando che Dio ce la mandi buona e ce ne faccia pescare almeno una rossa.

Spero di aver reso l’idea.

Per quanto concerne la campagna pubblicitaria in sé per sé, ti consiglio di affidarti a chi realmente se ne intende, se vuoi che i soldi che investi nella pubblicità non vadano persi, ma che al contrario portino a risultati positivi e in continua crescita.

Secondo vantaggio: in termini di costi, è molto più economica la pubblicità online, dato che anche con 25 € puoi realizzare l’annuncio.

Terzo vantaggio: le agenzie pubblicitarie professionali realizzano le campagne in maniera sensibile alle tue personali esigenze ed è possibile effettuare un controllo degli utenti che visualizzano l’annuncio e che compiono un’azione in tempo reale.download

E sai che significa questo? Numeri concreti, statistiche. E presenza di statistiche = certezze, e così ti permette di constatare il successo della campagna.

Nel caso in cui la campagna non raggiunga le aspettative anteposte, è possibile apportare delle modifiche o anche un cambiamento di strategia, al fine del miglioramento dell’annuncio, quindi del successo della campagna.

Il fine principale della pubblicità online è conferire una maggiore visibilità al proprio marchio, che non si limita alla semplice presentazione del prodotto o della azienda attraverso uno slogan e una immagine suggestiva.

Al contrario, è possibile arricchire la propria “vetrina online” (il tuo Sito Web o Blog ad esempio) con una galleria di foto, video , tutorial, eventi organizzativi…con i quali dimostri agli utenti la tua serietà, professionalità.

Più in là tratteremo anche la “questione sito web”, quali errori commessi determinano il fallimento del sito e come ottimizzarlo sotto tutti gli aspetti.

Infine non disturba l’utenza, anzi forse (e questo è considerabile come un punto debole) non l’”aggredisce” come la pubblicità tradizionale, in quanto è l’utente stesso che, consciamente, clicca sull’annuncio e non l’annuncio che gli si para davanti, come un pugno in faccia.

Altre due carenze consistono nel:

– tagliare fuori bambini e anziani, e quanti non utilizzano il computer o non hanno tempo;

– approcciarsi con coloro che riscontrano difficoltà in questo determinato campo.

 

Dunque…

La Pubblicità: NAUFRAGIO O SCIALUPPA DI SALVATAGGIO?

Ai lettori l’ardua sentenza!

 

Alla prossima!

Potrebbe anche interessarti...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *